ARCHITETTURA Progetti d'interni
LA STORIA DELLA CALCE Cos'è la Calce
 

music
costruzioni, costruzioni edili, dierre costruzioni, dierre, edilizia, edilizia civile, restauro, strade, ponti, opere stradali, opere fognarie, fogne, edifici, restauro edifici, edifici monumentali, edifici architettonici, architettura, restauro facciate, cornicioni, illuminazione, pubblica illuminazione, decori, decori e pitture, pitture, ponteggi, pavimentazione, ristrutturazione,manutenzione, fabbricati, materiali innovativi, recupero edile, rivestimenti, pavimenti, fondazioni, travi, balconi, intonaco, muratura,calcestruzzo, cemento,terrazzo, tettoia
------- Elaborazione DVR 9 aprile 2008 , n. 81

:: OPERE PROVVISIONALE: Ponteggio Metallico

Realizzazione di ponteggio metallico prefabbricato con sistema ad infilo.

MACCHINE /ATTREZZI
Nella fase di lavoro in oggetto della valutazione sono utilizzate le seguenti attrezzature:
- attrezzi di uso comune;
- carrucola autofrenante;

PRESCRIZIONI PRELIMINARI
Per il corretto montaggio, impiego e smontaggio del ponteggio, si prendano in esame le prescrizioni normative contenute nel D.Lgs.81/08 confermando le innovazioni del D.Lgs. 235/2003 e le indicazioni riportate nel libretto di istruzioni fornito dal fabbricante. Si specifica che per l’impiegoIn cantiere deve essere tenuta ed esibita, a richiesta degli organi di vigilanza, copia dell’attestazione di conformità (art. 30 del D.P.R. 164/56) e copia del disegno esecutivo Pi.M.U.S. (art. 136 del D.Lgs.81/08). Le eventuali modifiche al ponteggio, che devono essere riportate sul disegno esecutivo, devono restare nell’ambito dello schema-tipo che ha giustificato l’astensione dall’obbligo del calcolo. Prima dell’introduzione in cantiere degli elementi e attrezzature per il ponteggio dovranno essere eseguite periodicamente verifiche sullo stato manutentivo, ad opera del datore di lavoro (art.71 del D.Lgvo 81/08),
per assicurarne la corretta installazione ed il buon funzionamento al fine di tutelare la sicurezza dei lavoratoridi ponteggi metallici fissi, l’impresa deve farsi rilasciare dal fabbricante la copia conforme dell’Autorizzazione Ministeriale, delle istruzioni per le prove di carico, il montaggio, l’impiego e lo smontaggio del ponteggio, e degli schemi-tipo di ponteggio (con l’indicazione dei massimi sovraccarichi, di altezza dei ponteggi e di larghezza degli impalcati per i quali non sussiste l’obbligo di calcolo per ogni singola applicazione).

VALUTAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RISCHI
______________________________________________________________________________________________________________________
DESCRIZIONE
Caduta dalll’alto dell’operatore
Caduta di materiali dall’alto
Elettrocuzione
Scivolamento cadute a livello
Movimentazione manuale dei carichi
Punture, tagli e abrasioni
LIV.PROBABILITA
Possibile
Probabile
Possibile
Possibile
Possibile

Possibile
ENTITA DANNO
Grave
Significativo
Grave
Significativo
Modesto

Modesto
CLASSE
Notevole
Notevole
Notevole
Notevole
Accettabile

Accettabile
______________________________________________________________________________________________________________________

INTERVENTI/DISPOSIZIONI/PROCEDURE PER RIDURRE RISCHI
A seguito della valutazione dei rischi sono riportati, in maniera non esaustiva, gli interventi/disposizioni procedure volte a salvaguardare la sicurezza e la salute dei lavoratori:

Individuato il luogo di stoccaggio in cantiere dei vari elementi del ponteggio è buona norma:
• Delimitare l'area di montaggio, predisporre la segnaletica di segnalamento prevista nel piano di sicurezza;
• Scaricare il materiale più possibilmente vicino alla zona di stoccaggio dei vari elementi, i quali saranno accatastati per tipo onde facilitarne il prelievo;
• Gli elementi stoccati non devono creare pericoli di ribaltamento con conseguente investimento di persone o mezzi.

Sono inoltre fondamentali, prima dell’uso del ponteggio, i seguenti controlli:
• Controllare che tutti gli elementi metallici del ponteggio da utilizzare siano dotati di marchio come da libretto,provvedendo a scartare quelli sprovvisti di marchio o appartenenti ad altri ponteggi.
• Controllare lo stato di conservazione di tutti gli elementi metallici del ponteggio e dell'efficacia del sistema di interconnessione, provvedendo a scartare gli elementi che presentano deformazioni (orizzontalità e verticalità), rotture e corrosioni pregiudizievoli per la resistenza del ponteggio e ad integrarli con altri forniti dallo stesso produttore del ponteggio.
• Controllare l'orizzontalità e l'efficienza del sistema di collegamento delle tavole metalliche ai traversi, provvedendo a scartare gli elementi non più idonei e ad integrarli con altri forniti dallo stesso produttore del ponteggio.
• Controllare le tavole da ponte in legname, scartando gli elementi non idonei quali quelli con nodi passanti di discrete dimensioni o che presenti accentuate fessurazioni longitudinali (per evitare il crollo della struttura).
• Controllare la disponibilità ed integrità del sistema anticaduta e degli altri DPI (casco, guanti, calzature con suola flessibile antisdrucciolevole) da adottare in quanto previsti dal presente piano durante la fase del montaggio.
• Controllare se vi sono attraversamenti di linee elettriche aeree,per verificare se emergono elementi che possono interferire o costituire pericolo sull’ andamento dei lavori e/o richiedono interventi immediati prendendo accordi con le società ed aziende esercenti le reti.
• Controllare se vi sono forti pendenze sarà necessario predisporre un’idonea opera provvisionale (art.7 del DPR 164/56) quale, per esempio, una struttura opportunamente conformata in tubi e giunti o legno in modo da costituire il piano dal quale partirà il ponteggio vero e proprio.
• Verificare la resistenza a compressione del piano di appoggio. La struttura deve essere progettata e calcolata per l’uso e gli sforzi a cui è sottoposta. Posare le basette fisse o regolabili e quindi montare gli elementi del ponteggio.
Procedure di montaggio.
• Eseguire il tracciamento del ponteggio. La distanza del ponteggio dalla facciata non deve essere maggiore di 20 cm. Qualora sia necessario mantenere distanze maggiori è necessario allestire il parapetto anche sul lato interno del ponteggio od utilizzare mensole.
• Se nel corso dei lavori di montaggio non è possibile rispettare il disegno esecutivo, il montaggio va interrotto e provvedere a far adeguare il disegno esecutivo o il progetto.
• Effettuato il tracciato, gli addetti procedono a rendere orizzontali le zone di terreno sulle quali dovranno poggiare le basette. In corrispondenza di tali punti, posizionare tavole di legno di spessore 4 o 5 cm o altri dispositivi ripartitori del carico (piastre metalliche o di altro materiale), rispettando le istruzioni del libretto di autorizzazione ministeriale del ponteggio.
• Quando, in conseguenza dell'impiego di basette regolabili, la parte superiore del primo traverso viene portata ad un'altezza superiore a 205 cm, le piastre di base delle basette devono essere fissate (ad esempio tramite chiodi) agli elementi di ripartizione che, in questo caso, devono interessare almeno due montanti contigui, e le basi dei montanti di uno stesso telaio devono essere collegate tramite elemento in tubo/giunto.
• Il preposto al montaggio, deve verificare la rispondenza del piano di appoggio del ponteggio alle indicazioni del piano di montaggio,procede al tracciamento e a far collocare le tavole di ripartizione del carico.
• Deve essere garantita per tutto il periodo di installazione del ponteggio la stabilità del piano di appoggio realizzando dove necessario interventi migliorativi come il riporto e la compattazione inerte.
• Le basette fisse o regolabili devono essere posizionate nei punti indicati dal disegno. In caso di piani d’appoggio leggermente inclinati le basette devono essere riportate in piano con lo utilizzo tavole di spessore 4 o 5 cm e cunei di legno.
• Le piastre di base delle basette devono essere fissate tramite chiodi alle tavole di ripartizione per impedire lo scivolamento.

Piano Operativo Sicurezza :Costruzioni Generali sas De Riggi Sicurezza nel montaggio ponteggio



pagina 1 di 5

avanti >>






T E S T OU N I C O


DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008 , n. 81
(G.U. n. 101 del 30 aprile 2008).






Ristrutturare
in Sicurezza
Elaborazione del POS
ATTREZZATURE E MATERIALI A SERVIZIO DEI LAVORATORI
Rischi per la sicurezza dei lavoratori
Misure di sicurezza da adottare in cantiere





TecnicheCostruttive
in Sicurezza
Elaborazione del POS
ATTREZZATURE E MATERIALI A SERVIZIO DEI LAVORATORI
Rischi per la sicurezza dei lavoratori
Misure di sicurezza da adottare in cantiere.




• Valutazione
rischio rumore


• Valutazione
rischio caduta dall'alto


• Valutazione
rischio caduta
materiale dall'alto


• Valutazione
rischio investimento
schiacciamento

• Valutazione
rischio urti/tagli
abrasioni

• Valutazione
rischio elettrocuzioni
folgorazioni


• Valutazione
rischio
vibrazioni

• Valutazione
rischio movimentazione
manuale
dei carichi